Viaggio al confine: Luca Prestia racconta Beyond the Border

“Un braccio, un piede, un paio di vecchie scarpe abbandonate, un piccolo segno di umana presenza, in quella border zone sono anche epitome del viaggio, del senso stesso del viaggiare: con le sue sfide, le sue asprezze, le sue frustrazioni, le sue possibilità. E non è quindi importante sapere immediatamente a chi appartengono questi oggetti, quelle mani, quei piedi, quelle braccia. Non abbiamo bisogno di saperlo, perché non vogliamo (né dobbiamo) rimanere intrappolati nella forbice tra pietismo e rifiuto. Dobbiamo invece aprire gli occhi e tenerli bene aperti.”
Federico Faloppa

Domenica 25 agosto, dalle 16 alle 18.30, il fotografo Luca Prestia, ci guiderà alla scoperta e all’analisi dei suoi scatti, aiutandoci ad interrogarli senza preconcetti, e quindi a interrogare noi stessi, il nostro stesso atto di vedere, la nostra stessa posizione di forza come spettatori.
Luca Prestia è un fotografo free-lance, da qualche tempo la sua ricerca fotografica si focalizza principalmente sul paesaggio e sulla sua relazione con la mobilità delle persone e con i processi migratori.
Tutto quello che c’è da sapere, inoltre, su Luca è pubblicato qui: https://cargocollective.com/lucaprestia

COSTO
5 €

INFO E ISCRIZIONI
impresasocialeparaloup@gmail.com
340 984 8801