Blog - Ultime notizie
06/12 2021

DISCORSI AL RIPARO DAI LUPI

Da ritorno a restanza: la sfida dei presidi permanenti e sostenibili nelle aree marginali

Lunedì 6 dicembre, presso lo Spazio Incontri della Fondazione CRC a Cuneo, ci sarà il secondo appuntamento di “Discorsi al riparo dai lupi”, il primo progetto pensato dall’Impresa Sociale Paraloup in collaborazione con la Fondazione Nuto Revelli con l’obiettivo di “mettere a terra” il lavoro di capacitazione, advocacy e progettazione strategica avviato in questa “nuova stagione” della Borgata.

Si tratta di un format annuale di 4 incontri “non rituali” di approfondimento, che anno dopo anno rappresentino per il territorio della Valle Stura un’occasione di stimolo e di aiuto alla decisione capace di generare una ricaduta diretta sulle politiche culturali della Provincia e una scalabilità su tutte le realtà simili a Paraloup.

Ad ogni appuntamento saranno invitati esponenti e professionisti rappresentanti per ogni tematica da affrontare.

Il secondo incontro dal titoloDiscorsi al riparo dai lupi – Da ritorno a restanza: la sfida dei presidi permanenti e sostenibili nelle aree marginali” affronterà la tematica delle relazioni virtuose che si instaurano tra il fenomeno del ritorno alla montagna e le buone pratiche possibili in questi contesti marginali.
In questo senso Paraloup, e tutta la montagna, possono essere un laboratorio “buono, pulito e giusto”, dove la ricerca di nuovi stili di vita incontra la possibilità di creare micro-sistemi agri-culturali, economici e sociali integrati.

Il ritorno può tramutarsi in vera e propria restanza e resistenza: l’auto-produzione agroalimentare e la particolare attenzione alla selezione e alla valorizzazione delle filiere locali, possono dar vita a meccanismi sistemici legati all’economia circolare, trasformando luoghi come Paraloup da rifugi per visitatori temporanei a borgate (ri)abitate, presidi territoriali permanenti, espressione delle culture e degli ecosistemi più diversi.

Il tavolo è a cura del professor Marco Revelli, Presidente della Fondazione Nuto Revelli e amministratore unico dell’Impresa Sociale Paraloup, con la partecipazione di Roberto Burdese (Slow Food Italia), Andrea Cavallero (DISAFA- UniTo), Gian Vittorio Porasso (La Servaja), Giulia Iannelli (Germinale Cooperativa Agricola di Comunità), Francesco Dimeglio (NEMO – Nuove Economie in MOntagna), Enrica Alberti (cooperativa Viso A Viso), Chiara Guidarelli (progetto NatWorking), Francesco Sabatini (progetto Va’ Sentiero), Matteo Moncalero (Montura).

Il “Discorso al riparo dai lupi” tra le invitate e gli invitati avrà luogo presso lo Spazio Incontri della Fondazione CRC, a Cuneo. Per motivi di sicurezza legati alle restrizioni anti-Covid19, il pubblico non potrà accedere allo spazio. É prevista una restituzione dei lavori in streaming su Tradiradio.org per il pubblico.

Tutto il programma

Ore 11:00    Ritrovo presso la Fondazione CRC e saluti introduttivi di Marco Revelli e Antonella Tarpino

Ore 11:30    Avvio del tavolo

Ore 13:00    Pausa Pranzo

Ore 15:00    Ripresa dei lavori

Ore 16:30    Webinar di restituzione dei lavori della giornata in diretta radiofonica su Tradiradio.org

Ore 17:30    Sessione aperta al pubblico con la cerimonia di consegna del premio “Nuto Revelli” a Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, e del premio “Paraloup – Nuove resistenze” a Gian Vittorio Porasso, pastore de La Servaja.

Premio Nuto Revelli e Paraloup

 

Per partecipare alla cerimonia di consegna dei premi, è richiesta la prenotazione inviando una e-mail a info@nutorevelli.org.
Nel rispetto delle vigenti normative anti-Covid, l’ingresso è consentito esclusivamente presentando il super green pass.

Tutte le informazioni sulla cerimonia di premiazione qui >>

 

——–

“Discorsi al riparo dai lupi – Da ritorno a restanza: la sfida dei presidi permanenti e sostenibili nelle aree marginali è un progetto di Borgata Paraloup e Fondazione Nuto Revelli, con il supporto di Fondazione CRC, Regione Piemonte e in collaborazione con Slow Food.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *